|

Cécile Kyenge e l’addio al portavoce sgradito al marito

Ieri la notizia era stata coperta dall’errore: l’addio di Cosimo Torlo, portavoce di Cécile Kyenge, dopo l’intervista di Libero a Domenico Grispino, marito del ministro, nella quale lui annunciava il licenziamento è stato coperto dal misunderstanding sulle presunte dimissioni. Oggi sul Corriere, chiariti gli equivoci, si passa alla discussione di merito. Partedo dall’intervista di Grispino a Libero:

 

Però, con tutta la buona volontà, è difficile non ripensare a una verace intervista a Domenico Grispino, marito di Cécile Kyenge, pubblicata su Libero un mesetto e mezzo fa, in cui appariva evidente che il consorte non gradisse l’onnipresenza di Torlo («Un addetto stampa che le è stato imposto dal partito, era quello dell’ex ministro Cesare Damiano»): «A Venezia, al Festival del Cinema, mia moglie girava con lui e le mie due figlie, era sempre lì attaccato ed è entrato in tutte le foto». Tant’è che in una didascalia veniva presentato come il marito e il marito non era. «Lì ha sbagliato anche mia moglie» proseguiva Grispino. «L’addetto stampa non deve stare sempre lì con lei». E alla inevitabile domanda se fosse per caso geloso, rispondeva così: «Io? Si figuri. Ma quello adesso lo faccio mandare via».

cécile kyenge cosimo torlo

Ed ecco perché ora questo repentino arrivederci e grazie non è passato inosservato. Soprattutto per lui:

Ieri sera Torlo annotava sul suo profilo Facebook (dove risulta single): «Dopo una splendida giornata di m… un ottimo Brunello… a seguire Napoli-Lazio (è tifoso partenopeo ndr). E la vita continua». A scorrere indietro, nei suoi post, l’ex portavoce della Kyenge si rivela un animo romantico. Il 26 gennaio scrive a una misteriosa lei, che magari è solo una creatura letteraria: «Ora so nitidamente cosa mi manca. Il tuo bacio». L’11: «Ogni mattina è la stessa piacevole storia, un lungo respiro, un buon caffè e la consapevolezza che avrò cura di te». Il 18: «Amica luna porta un bacio sulle labbra alla stella più bella del creato ». Mentre il 23, parlando del film La Grande Bellezza, Torlo si supera: «Mi ritengo fortunato, perché ho il privilegio di averla incontrata».