|

I cacciatori che chiamano i bambini per vedere uccidere la volpe

L’Huffington Post britannico rilancia alcune foto pubblicate da un gruppo di animalisti contro la caccia alla volpe, tradizionalmente praticata dai cacciatori inglesi e considerata alla stregua di uno sport. Le immagini mostrano tre bambini che osservano i cacciatori trascinare fuori una volpe dalla sua tana, un attimo prima di essere brutalmente uccisa. Le foto sono state scattane nel Devon, contea nel sud dell’Inghilterra dove la caccia alla volpe è ancora molto praticata.

caccia alla volpe inghilterra 2

CACCIA ALLA VOLPE – Le foto, pubblicate dalla League Against Cruel Sports, hanno fatto scattare le indagini da parte della RSCPA, l’associazione reale contro la crudeltà sugli animali, che investigherà per appurare che non siano state commesse alcune violazioni all’Hunting Act in vigore dal 2004.

Guarda le foto:

LA VOLPE UCCISA DAVANTI AI BAMBINI – La scena a cui stanno assistendo i bambini immortalati nelle foto ha davvero poco a che vedere con quanto si definirebbe sport: le volpi vengono bloccate nelle proprie tane, stanate a forza dai cacciatori e dai loro cani e poi uccise con un colpo di fucile. «Ero totalmente incredulo – ha raccontato un contadino della zona, che ha assistito alla scena – Come possono aver pensato che quello spettacolo fosse adatto ai dei bambini? La cosa più triste è stato vedere i corpi senza vita delle volpi, trascinati su per la collina, simili a stracci arancioni». Soltanto pochi attimi prima, il contadino aveva visto «una volpe splendida attraversare di corsa il prato e sparire in una tana. Sulla cima della collina ho visto due uomini con dei cani, hanno raggiunto la buca, stanato la volpe e poi hanno chiamato i bambini perché vedessero l’uccisione».

 

LEGGI ANCHE:  Il lupo ucciso, decapitato ed appeso ad un ponte in Maremma

 

LA CACCIA ALLA VOLPE? «LEGALE E UMANA» – Nonostante la scena estremamente cruenta, Tim Bonner, portavoce della  Countryside Alliance, ha dichiarato che questa modalità di caccia non solo è legale, ma che sarebbe anche «professionale e umana» e che nessuno, tra i membri del club Modbury Harriers, è rimasto scandalizzato dalle immagini. A Bonner ha risposto Joe Duckworth, capo della League Against Cruel Sports: «È un orrendo esempio di crudeltà sugli animali, perpetrato senza nessun riguardo anche per i bambini che hanno assistito alla scena».

(Photocredit: league.org.uk)