|

Davide Serra: il guru di Renzi, Electrolux e la gaffe sui costi del lavoro

Piccola gaffe in rete per l’imprenditore Davide Serra, fondatore e amministratore del fondo speculativo Algebris e noto sostenitore del segretario del Pd Matteo Renzi. Il 42enne genovese è finito nel mirino degli utenti di Twitter dopo la pubblicazione di un messaggio in cui afferma che in Italia il costo delle tasse sul lavoro è in media il doppio della cifra netta che i lavoratori ricevono a fine mese. Nel dettaglio, intervenuto commentando il caso Elecrtolux, l’azienda svedese che minaccia in Italia di ridurre di circa il 50% salari per adeguarli agli stipendi della Polonia, Serra ha affermato che nel nostro paese alle imprese «uno stipendio di € 1000 nette busta paga gli costa € 3000». Cifre che, secondo l’imprenditore, spiegherebbero l’esodo delle fabbriche verso l’estero.

 

Davide Serra

 

I DATI – In realtà, che i costi elevati sul lavoro siano una delle principali cause della scarsa competitività delle aziende italiane è un dato ampiamente riconosciuto. Ma appare chiaro che i numeri divulgati dall’imprenditore di Algebris siano nettamente distanti da quanto messo nero su bianco dai più autorevoli istituti di ricerca. Per smentire Serra basta citare infatti i dati diffusi, non più tardi di un mese fa, dal Centro Studi di Confindustria, che ha rilevato tasse sul lavoro in Italia al 42,3%, cifra più alta del 37,7% medio dell’Eurozona e del 35,8% relativo all’Ue-27, ma non certamente elevata al punto da far pensare a 3mila euro di spesa per le aziende per ogni mille euro versati come stipendio.

 

 

LEGGI ANCHE: Matteo Renzi: chi sono gli uomini e le donne della sua segreteria

 

IL BOTTA E RISPOSTA – Sembra poco fortunato anche il confronto di Serra con la Spagna. Secondo l’imprenditore nella penisola iberica l’impresa «dà netto € 1200 ma gli costa € 2400» a differenza del rapporto 1.000-3.000 italiano. Ma il Centro Studi di Confindustria ha rivelato per la Spagna un tasso di costo del lavoro al 33,2%, più basso rispetto a quello italiano ma certamente non abbastanza basso da lasciar immaginare un’incidenza di tasse sui salari dimezzata rispetto al nostro paese. I commentatori del web rispondono puntualmente:

 

 

 

(Fonte foto: archivio LaPresse)