Libia, i ribelli combattono a colpi di pizza

05/07/2011 - di

Al fronte di Misurata vengono consumati 8mila tranci al giorno Non ci sono solo gli eserciti filo governativi e le milizie degli insorti a combattere in Libia. In campo è sceso anche un esercito di pizzaioli, quelli incaricati di rifocillare

Al fronte di Misurata vengono consumati 8mila tranci al giorno

Non ci sono solo gli eserciti filo governativi e le milizie degli insorti a combattere in Libia. In campo è sceso anche un esercito di pizzaioli, quelli incaricati di rifocillare con le loro prelibatezze la folta schiera dei ribelli impegnati al fronte.

8MILA TRANCI LA GIORNO - Si trovano a Misurata. Invece che preparare pizze per la gente comune, lavorano per gli uomini armati. A rivelare il loro impegno al servizio dei ribelli impegnati nella parte più avanzata dello schieramento dei ribelli è stato il Sydney Mording Herald. Si avvalgono della collaborazione di tanti volontari. Consegnano pizze ancora calde, circa 8mila tranci al giorno. L’idea è partita da Emad Daiki, titolare di una pizzeria di successo a Stoccolma, un mese fa ritornato nella sua Misurata per mettersi al servizio dei connazionali impegnati nei bombardamenti. L’imprenditorie libico è riuscito ad accattivarsi tanti fornitori di ingredienti, che gli rendono dalle cipolle alle olive, dai pomodori al tonno, ed è riuscito a sfruttare forni industriali di alberghi bombardate dalle forze del regime.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Fabio Cimaglia/LaPresse

Legge di stabilità, il governo: «serve ancora un po’di tempo»

18:47 Stallo preoccupante sul provvedimento. Il vice ministro Morando: «Stiamo ultimando la relazione tecnica». Forza Italia: «Il presidente del Consiglio venga a riferire in aula». I sindacati sottolineano il rischio di esuberi per 20mila lavoratori a tempo indeterminato e del licenziamento per oltre 2mila precari oltre ai «pesanti tagli» CONTINUA