|

La bufala dell’astronauta nordcoreano atterrato sul Sole

Waterfordwhisperersnews, un sito di satira, ha lanciato tre giorni fa la notizia dello sbarco sul Sole di un astronauta di 17 anni che è riuscito a raggiungere la nostra stella dopo sole quattro ore di volo per poi atterrare sulla stella.

La notizia apparsa su waterfordwhispersnews.com
La notizia apparsa su waterfordwhispersnews.com

UN VIAGGIO DI QUATTRO ORE – La notizia, evidentemente falsa, è stata però ripresa da Tweaktown che l’ha ritenuta vera riprendendo le parole pubblicate sul sito satirico ed attribuendole effettivamente all’agenzia di stampa nord-coreana. È uscita così la notizia dell’arrivo dell’astronauta Hung Il Gong sbarcato sul sole con una navicella speciale che gli ha consentito, viaggiando in solitudine, di atterrare sul lato lontano della stella. L’agenzia di stampa nord-coreana avrebbe annunciato lo sbarco in televisione sottolineando come la Corea del Nord sia stata la prima a portare un uomo sul Sole e che per questo Hung Il Gong sarebbe stato coperto da onori al suo ritorno sulla Terra, accolto tra gli altri dal leader supremo Kim Jong-un, al quale è stato dato in dono un pezzo di superficie solare.

 

LEGGI ANCHE: 

Il video rubato della donna che si ribella in Corea del Nord

I TeleTubbies stanno per invadere la Corea del Nord

Il Guardian: la storia dello zio di Kim divorato dai cani è falsa

LA BUFALA – Al di là dell’evidenza sull’assurdità di tale notizia, qualcuno ha pensato d’intervenire per spiegare per quale motivo è impossibile che questo possa essere avvenuto. The National Student ci spiega che un viaggio di quattro ore ed una missione totale di 18 ha una durata oggettivamente impressionante, anche perché vuol dire che l’astronauta diciassettenne ha viaggiato ad una velocità di 37.400.000 chilometri orari. Già questo basta a spiegare quanto questa notizia in realtà sia una bufala. Quindi niente atterraggio sul Sole, niente ritorno a a casa e niente regalo a Kim Jong-Un. (Photocredit Tweaktown)

LEGGI ANCHE: 

Palloncini contro il dittatore – Foto

Kim Jong-un cancella dal web lo zio che ha ucciso

Kim Jong Un e la nuova “dittatura” dopo l’omicidio