Se il sex toy fa male alla salute

Allarme dei Verdi al Bundestag: i giocattoli erotici contengono plastiche tossiche, il governo deve intervenire Il Partito dei Verdi tedeschi...

Allarme dei Verdi al Bundestag: i giocattoli erotici contengono plastiche tossiche, il governo deve intervenire

Il Partito dei Verdi tedeschi è preoccupato per la salute dei propri concittadini. Ma questa volta non si tratta delle tipiche cause ambientaliste, come radiazioni nucleari o pesticidi negli alimenti. Al contrario, la loro ultima paura riguarda i rischi potenziali per la salute causate dai giocattoli del sesso.

SEX TOYS AL VELENO – Ora un gruppo di 10 membri del Partito dei Verdi del parlamento tedesco, il Bundestag, chiede che al governo di agire. Hanno elaborato un documento dal titolo “Salute sessuale come problema di tutela dei consumatori”.”Molti dildo e altri giocattoli del sesso, come vibratori e tappi anali contengono una quantità elevata di ftalati, altri plastificanti cancerogeni e sostanze tossiche”, si legge nel documento. Le sostanze che entrano nel corpo attraverso le mucose, possono portare sterilità, squilibri ormonali, diabete e obesità”, avvertono i parlamentari. Le sostanze chimiche possono causare disturbi ormonali nei bambini non ancora nati, si legge nel documento. Ftalati e altri agenti per ammorbidire la plastica sono stati ufficialmente eliminati dei prodotti in molte nazioni sviluppate.

DILDO SOTTO INDAGINE – Dato che i vibratori e altri giocattoli sono ampiamente utilizzati in Germania, i Verdi vedono la questione come un problema per la società nel suo complesso. Mentre giocattoli per bambini sono soggetti a severe norme che consentono solo la più piccola percentuale di plastificanti, uno studio del 2006 condotto dalla rivista Öko-Test di consumatori ha rilevato che i giocattoli del sesso contengono elevate quantità di sostanze chimiche. fino a 58 per cento dei materiali utilizzati per tali prodotti sono plastiche, scrive la rivista. Più della metà dei vibratori esaminati da Öko-Test conteneva sostanze tossiche, così molti hanno fallito il test del tutto.

I VERDI LANCIANO L’ALLARME – Nel loro documento, i Verdi hanno chiesto cosa che il governo prevede di fare per il problema. Vogliono sapere quali sono le ultime scoperte scientifiche sui pericoli e la normazione sui plastificanti, e se il governo prevede di vietare le sostanze. Ma la risposta data dal governo di centrodestra ha fatto infuriare il partito di opposizione. Composto da sei pagine piene di complicato fraseggio giuridico, il documento equivale a un rifiuto di affrontare la questione delicata. Dove i Verdi si riferiscono a “giocattoli sessuali”, “dildo” e “vibratori”, la risposta, a cura del Ministero tedesco per la protezione dell’alimentazione, dell’agricoltura e dei consumatori, si riferisce solo a “oggetti erotici”. E si rivela anche poco incline ad agire sulle preoccupazioni dei Verdi.

IL GOVERNO IGNORA LA QUESTIONE – In assenza di studi rappresentante giocattoli del sesso, l’impostazione normativa è fuori questione, sostiene la carta del governo. “Ma l’uso di ftalati e altre sostanze tossiche nelle plastiche probabilmente sarà consentito soltanto per un futuro limitato, perché la Germania ed altre nazioni dell’Unione Europea hanno suggerito l’introduzione di una procedura di approvazione”. “L’uso di sostanze pericolose nella produzione di articoli erotici è un problema che non si limita alla sola Germania”, dice il documento. “Inoltre, un governo nazionale non è in grado di regolare il flusso di prodotti, molti dei quali provengono da Internet gli ordini e le importazioni”.

GLI AMBIENTALISTI RILANCIANO - Ma la risposta non ha soddisfatto i Verdi. “I plastificanti sono troppo pericolosi in vibratori e dildo”, ha detto allo Spiegel Online Volker Beck, parlamentare. “La protezione dei consumatori dovrebbe essere una priorità assoluta quando si tratta di salute sessuale”. Almeno il 20 per cento degli adulti tedeschi usa giocattoli sessuali. “Alla luce del numero elevato di consumatori in via di estinzione, non è di alcuna utilità che il governo faccia riferimento semplicemente pianificato iniziative dell’UE,” ha detto Beck.

L’ESEMPIO DANESE - Egli incoraggia la Germania a guardare verso la Danimarca come esempio. “Il Ministero dell’Ambiente danese già prodotto un monito contro i sex toys malsani l’anno scorso. Sollecita gli utenti di vibratori, vagine artificiali e simili a coprirli con preservativi e ad evitare i modelli realizzati in PVC”, ha aggiunto Beck, accusando di Berlino ignorare il problema. “Anche se si tocca un tabù, agenti cancerogeni e le sostanze chimiche che danneggiano l’equilibrio ormonale di una persona e il sistema immunitario non sono cosa da poco”, ha detto. “Il governo ha una responsabilità e deve tenerne conto. Il problema non è ignorabile quando sono coinvolti rischi per la salute”.