|

«Grazie papà per avermi violentata»

Alcuni anni fa sono andata da mio padre e l’ho ringraziato per avermi molestata. Non l’ho fatto perché mi fosse piaciuto, ma perché ho guardato a tutto quello che avevo passato e ho deciso che avrei accettato ogni ricordo, ogni atto subito, e che avrei costruito me stessa da quelle ceneri. Amo quei ricordi, perché hanno creato la combattente che c’è in me.

Flora Jessop è un ex membro della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, altrimenti conosciuta come Chiesa mormone, confessione religiosa nata e ampiamente diffusa negli Stati Uniti e che conta oltre 15 milioni di seguaci in tutto il mondo. Flora, che ha vissuto in una famiglia mormone e poligama, ha abbandonato quella confessione che definisce una setta e oggi, all’Huffington Post, ha raccontato la sua storia di abusi e molestie e del suo percorso verso la libertà.

Flora Jessop abusi chiesa mormone (3)

LA STORIA DI FLORA – Oggi Flora è un’attivista contro gli abusi sui minori e, insieme alla cugina Carolyn Jessop, racconta la propria esperienza di «sopravvissuta» a un culto che ha segnato tanto duramente gli anni della sua infanzia e della sua giovinezza. Flora, nata da un padre poligamo e da una delle sue due mogli, è cresciuta in una casa insieme ad altri ventisette fratelli. Fin dall’infanzia ha subito le violenze del padre e costretta a rapporti incestuosi sfociati poi in una gravidanza mai portata a termine. Oggi la poligamia è ufficialmente rifiutata dai dettami del mormonesimo. Ciononostante, in diverse aree del sud-est degli Stati Uniti, continuano a esistere comunità mormoni basate su matrimoni poligami. All’età di sedici anni, Flora è stata costretta a sposare uno dei suoi cugini, Philip Jessop: a quel punto scappa di casa, abbandona ogni cosa e dopo anni passato a vagabondare per gli Stati Uniti riesce a ricostruirsi una nuova vita, con un marito e due figlie, oggi adolescenti.

Nonostante abbia subito abusi sessuali non ho mai sviluppato un odio verso le donne. Ho sviluppato un odio verso le donne. Mi ci sono voluti anni prima di riuscire a fidarmi ancora di una donna dopo aver lasciato la setta. Perché nella poligamia, le dinamiche che si sviluppano in una casa sono basate sul fatto che gli uomini sono dio e le donne, costrette a dividersi lo stesso uomo, diventano brutali.

Flora Jessop abusi chiesa mormone (2)

 

LEGGI ANCHE: Le donne mormoni nude contro la rigidità

 

«GRAZIE PAPÀ PER AVERMI VIOLENTATA» – Davanti alle telecamere dell’Huffington Post Flora racconta la sua terribile esperienza insieme ad altri «sopravvissuti» come lei e quando l’intervistatrice le chiede quale fosse stata la risposta di suo padre, dopo che lei lo aveva ringraziata per averne abusato per anni, la donne risponde:

Non ha detto nulla. È rimasto lì, senza dire una parola. Ma oggi, quando lo vedo, lui riesce a malapena a sostenere la mia presenza e cerca di andarsene il prima possibile. Lui è molto vicino ai miei fratelli e ai suoi figli. E l’unico modo che ho di proteggerli è stare vicino a loro e a lui e informare le persone su che tipo di persona sia.

(Photocredit: Huffington Post)

 

LEGGI ANCHE: