|

Il video della ragazza che telefona all’insegnante che ha abusato di lei

«Perché lo hai fatto? Avevo solo 12 anni quando ti ho incontrato. Ti rendi conto che mi hai fatto il lavaggio del cervello? E che quello che hai fatto è sbagliato?». «Mi hai rovinato la vita. Hai rovinato la mia infanzia». «Dovresti provare vergogna ed essere disgustata di te stessa». È il contenuto  di un video postato su YouTube in cui una ragazza di 28 anni, Jamie Carrillo, che sul web si fa conoscere con il nickname Jamie X, telefona all’ex stupratrice, un’insegnante che l’avrebbe circuita e violentata dall’età di 12 fino ai 20 anni.

 

video telefonata stupratrice 1

 

«ME NE PENTO» – Nel fimato, postato da Jamie venerdì scorso, viene registrata la telefonata in vivavoce tra la ragazza e Andrea Cardosa, insegnante presso il Val Verde Unified School District della contea di Riverside, in California, durante la quale la docente ammette di aver avuto rapporti sessuali con la studentessa. «Vorrei solo aiutarti», dice Cardosa alla sua vittima durante il racconto degli abusi. «Me ne pento ogni giorno», afferma rispondendo alle accuse. Ammissioni, quelle della donna, che probabilmente serviranno a poco. «Ho 28 anni – ha scritto Jamie nella descrizione che accompagna le immagini – e ho aspettato anni per avere il coraggio di denunciare un maestro che ha abusato di me sessualmente per anni. Quando finalmente ho avuto il coraggio di denunciarla, ho scoperto che per la legge sulla prescrizione lei non potrà mai pagare per le cose che mi ha fatto».

 

 

LEGGI ANCHE: Le Iene e il twerkatore censurato da Paola Ferrari

 

INDAGINI IN CORSO – Dopo la pubblicazione del video l’insegnante è stata costretta alle dimissioni, mentre la polizia avviava un’indagine su gli abusi commessi. La rivelazione ha ovviamente generato molta preoccupazione all’Alhambra High School di Martinez, California, dove Cardosa lavora. Ma il distretto di polizia di Alhambra ha rassicurato gli studenti, precisando che gli abusi sono stati commessi in un altro istituto. Non è affatto improbabile però che quello di cui è stato vittima Jamie sia l’unico caso di abusi compiut dall’insegnante. Un’altra giovane donna, che ha preferito però restare anonima, alla Cbs di Los Angeles ha raccontato di aver riconosciuto dalla telefonata la donna accusata delle violenze Chemawa Middle School e di essere stata anche lei una vittima. «Le nostre storie sono estremamente simili», ha raccontato. «Mi sono rivista in Jamie». L’avvocato della donna ha invitato la polizia ad indagare anche su quest’altro caso.

(Fonte immagini: YouTube / canale Jamie X)