|

Joanna Dennehy: la serial killer che si scatta le selfie

La Serial Killer Joanna Dennehy si è scatta una selfie mentre stava fuggendo dalla polizia. L’immagine è stata fatta visionare ai giurati durante il processo dei suoi due presunti complici e mostra la 31 enne in posa con la lingua di fuori seduta sui sedili posteriori di una Vauxhall Astra, pochi istanti prima che la donna selezionasse e accoltellasse la sua quarta e la sua quinta vittima. La notizia è stata riportata dall’Huffington Post.

Foto: SWNS
Foto: SWNS

LE FOTO – Mark Lloyd, il testimone che si trovava nella stessa auto della Dennehy e del suo complice Gary Stretch, ha detto alla corte che la Dennehy sarebbe stata spinta a commettere i crimini da una sete di sangue. La donna aveva già ucciso tre uomini nel Cambridgeshire quando a Hereford ha deciso di aggredire due passanti, che hanno subito lesioni di vario tipo, ma sono sopravvissuti. Un’altra immagine mostra la Dennehy che posa con un coltello e la lingua di fuori, e ce n’è anche una in cui esibisce quelle che sembrano cicatrici derivanti da lesioni autoinflittte sullo stomaco, posa che in un’altra immagine viene imitata da Gary Stretch, il suo presunto complice.

Leggi anche: La serial killer che si vendica degli stupratori.

I CRIMINI – La Dennehy si sarebbe vantata con gli amici dicendo che lei e Stretch erano come Bonny e Clyde. La donna, che viene da Orton Goldhay , Peterborough, ha ammesso di aver ucciso  Lukasz Slaboszewski , 31 , John Chapman , 56 anni , e Kevin Lee , 48 anni, che sono stati ritrovati in dei fossi nei mesi di marzo ed aprile dello scorso anno. La Dennehy ha anche amesso i tentati omicidi di Robin Bereza e John Rogers. Stretch ed un altro uomo, Leslie Layton, sono anche loro a processo, accusati aver aiutato la donna a sbarazzarsi dei cadaveri. Stretch, il cui vero nome è Gary Richards, nega le accuse secondo le quali avrebbe impedito che le tre vittime avessero potuto essere spolte degnamente e anche il tentato omicidio di due uomini, mentre Layton nega di aver impedito che due cadaveri potessero essere sepolti degnamente. Ma vi è anche un terzo uomo, il 55 Robert Moore, che ha ammesso di aver assistito ad un reato ed è in attesa di una sentenza.

Leggi anche: I 13 film horror ispirati alla vita reale.