|

La “cesso doppio” di Sochi che diventa virale

La Bbc ci parla della strana scelta degli architetti che hanno studiato i bagni degli impianti olimpici di Sochi che ha indignato il pubblico mondiale. Parliamo delle due toilette presenti per ogni bagno del Biathlon Centre segnalate dal corrispondente del broadcast inglese a Mosca Steve Rosenberg.

Il bagno fotografato da Steve Rosenberg (Photocredit BBC/Steve Rosenberg)
Il bagno fotografato da Steve Rosenberg (Photocredit BBC/Steve Rosenberg)

LE POLEMICHE – Tra le migliaia di condivisioni, presente anche quella del dissidente Alexei Navalny che ha spiegato che il budget a disposizione era di 50 miliardi di dollari e si è chiesto che fine abbiano fatto questi soldi. Altri invece hanno manifestato il proprio divertimento per un’immagine che ha scatenato incredulità ed ilarità. Inevitabile un accenno sul dibattito relativo alla contestata norma anti-gay. Ma non si tratta certo di un errore visto che la stessa cosa appare nelle toilette dell’Università di Kazan.

 

LEGGI ANCHE: 

Il bob giamaicano va alle olimpiadi grazie alla colletta dei fan

Il video del pattinatore che non sa perdere e sbrocca senza ritegno

Il nuovo attentato in Daghestan

 

ALTRI ESEMPI DI WC ACCOPPIATI NELLA RUSSIA SIBERIANA: 

GLI ESEMPI – Quindi nel bagno degli uomini sono presenti per ogni cubicolo due wc per una spesa di 28.000 rubli, pari a 607 euro. Un altro ha riportato che il centro media è costato 1,5 miliardi di rubli, pari a 32,5 milioni di euro, il tutto per un imbarazzo planetario senza prezzo. Parlando della legge anti-gay, qualcuno ha ipotizzato che questa potesse essere la risposta russa nei confronti delle minoranze mentre altri hanno sottolineato come la carta igienica non sia equidistante. Eppure potrebbe non essere una gaffe visto che secondo le prove raccolte dal giornalista Nikita Likhachev in Siberia ci sono tanti esempi di toilette progettate così. (Photocredit Twitter)

LEGGI ANCHE: 

«I gay staranno bene, se lasceranno in pace i bambini»

Mario Pescante e la gaffe delle quattro lesbiche americane per le Olimpiadi in Russia

«L’omosessualità si può curare»