|

«Ho perso 16 chili mangiando solo da McDonalds per 90 giorni»

Gizmodo ci racconta la storia di un professore che avrebbe perso 16 chili ed abbassato il suo livello di colesterolo passando da 112 a 77 grazie ad una dieta esclusiva fatta di continui pasti da McDonald’s per 90 giorni andando dai Big Mac alle insalate passando per i sundaes ed i milk shakes.

L’ESPERIMENTO – L’antitesi di Supersize me, quindi. Ma con notevoli differenze. John Cisca, protagonista di questa storia ed insegnante di scienze alla Colo-Nesco School District di Ankeny, Iowa, non si è abbuffato, anzi. Avrebbe consumato 2000 calorie al giorno seguendo alla lettera le indicazioni nutrizionali della FdA statunitense mettendo insieme vari elementi della catena alimentare. Inoltre l’uomo avrebbe camminato per 45 minuti al giorno, così come dovrebbero fare tutti. I risultati sarebbero stati a dir poco notevoli, con il peso crollato da 112 a 77 chili mentre come già detto in precedenza.

 

LEGGI ANCHE: Il cammello che voleva entrare al McDonald’s

 

LA MORALE – L’insegnante ha voluto realizzare ha trasformato quello che doveva essere un esperimento scientifico in un documentario per i suoi studenti ed ha spiegato che secondo lui, la morale di questa storia non è quella di mangiare di più da McDonald’s ma di fare attenzione alla propria bilancia nutrizionale ed a ciò che si mangia ogni giorno e che in fondo ciò che rende grassi è la propria attitudine alimentare e non McDonald’s. La logica è stringente, se consumate più calorie di quelle che ingerite, allora dimagrite. Anche se sul resto, i dubbi sono parecchi. (Photocredit Kcci – Gizomodo / Repertorio)