|

Il video dei maiali che brillano al buio

Questi maialini, nati in un laboratorio dell’Istituto per la Ricerca Biogenetica dell’Università della Hawaii, dimostrano che è possibile impiantare un gene attivo nel DNA di un organismo vivente – in questo caso la madre dei porcellini – e che, di conseguenza, è possibile anche ottenere dagli animali proteine utili per la cura di alcune malattie, come l’insulina per i diabetici o alcuni enzimi per i pazienti affetti da emofilia. A incorporare il gene – proveniente da una medusa – che ha reso questi due animali fluorescenti, un team di scienziati statunitensi in collaborazione con un’università cinese, che hanno sottolineato come, grazie a questa tecnica, sarà possibile produrre farmaci in modo più semplice ed economico rispetto alle procedure attualmente impiegate.