|

La Barbie grassa che fa arrabbiare tutti

Un’immagine di una Barbie modificata a fianco di una bambola tradizionale ha scatenato un dibattito sull’impatto che io giocattolo che da decenni impaza tra le bambine può avere sulla percezione del corpo femminile. L’immagine è stata condivisa dalla pagina Facebook Plus Size Modeling, accompagnandola al quesito «Le aziende di giocattoli dovrebbero cominciare a produrre bambole come questa?». Da quando l’immagine è stata postata ha generato quasi 36 mila like e più di 1.600 condivisioni, così come molti commenti negativi di alcuni utenti secondo i quali la “Barbie cicciona” rappresenterebbe in maniera inesatta le donne in carne. La notizia è stata riportata dal Mail Online.

barbie cicciona grassa worth1000 1 LA BARBIE CICCIONA – Kyle Boise, una commentatrice ha detto che la bambola sovrappeso promuoverebbe delle cattive abitudini alimentari, «quello di cui l’America ha bisogno», ha commentato sarcasticamente, mentre un’altra utente si è augurata che assieme alla bambola venga venduto uno strumento per misurare la pressione sanguigna, visto che non è tanto importante che le bambine vedano quanti menti abbia la bambola, ma che oltre un certo peso potrebbero esservi dei problemi di salute. Un utente sovrappeso ha detto che «il mento triplo è troppo, la maggior parte delle persone (me compreso) hanno solo il doppio mento, questa Barbie è imprecisa».

US artist designs realistic 'Barbie' version

LA BARBIE CON LE PROPORZIONI REALI – Secondo la maggior parte degli utenti comunque la Barbie dovrebbe essere un via di mezzo tra le due rappresentazioni, dovrebbe quindi essere una bambola dall’aspetto sano, nè troppo magra, nè troppo grassa. «Perchè non producono una Barbie proporzionata che si ciba in modo sano e fa esercizio fisico?» si chiede Michelle Ashford. L’immagine della Barbie sovrappeso è stata creata dal sito Worth1000.com, che da sempre si occupa di immagine photoshoppate, ma il sito non è stato il primo ad occuparsi delle proporzioni della bambola più famosa del mondo. L’artista Nicolay Lamm, da Pittsburgh è stato il primo a creare una bambola basandosi sulle proporzioni reali di una donna di 19 anni e a metterla di fianco ad una tradizionale bambola, scoprendo che se fosse una persona reale sarebbe sicuramente una ragazza anoressica. L’artista ha detto all’Huffington Post: «Se c’è anche una piccola possibilità che la Barbie così com’è influenzi negativamente le ragazze, e se le bambole vengono apprezzate anche se hanno la forma di uan ragazza normale, cosa aspetta la Mattel a mandarle in produzione?».