|

La bufala del carciofo «esplosivo»

Ieri la notizia era rimbalzata dalle agenzie ai maggiori quotidiani: a Olginate, in provincia di Lecco, una donna di ritorno dal supermercato aveva tagliato un carciofo appena acquistato e questo era «esploso». Secondo la versione circolata ieri, la donna, non ferita ma piuttosto spaventata, avrebbe chiamato i carabinieri che, una volta arrivati sul posto, avrebbero constatato come le foglie dell’ortaggio fossero «lesionate e bruciacchiate».  Una prima spiegazione fornita parlava di una possibile reazione chimica di un fertilizzante.

carciofo-che-esplode-bufala 1

IL CARCIOFO ESPLOSIVO CHE NON LO ERA – Oggi però il sito Bufale un tanto al chilo ridimensiona l’intera faccenda e smentisce la ricostruzione operata da agenzie di stampa e quotidiani: telefonando ai carabinieri di Olginate il sito ha scoperto che sì, è effettivamente successo «qualcosa» al carciofo della signora, ma il tutto sarebbe accaduto in modo molto meno drammatico di quanto descritto:

Il carciofo non è esploso, la signora l’ha acquistato il 17, portato a casa, lavato, e nel mentre si accingeva a tagliarlo il carciofo ha fatto PUFF, e si è come sgonfiato, la signora per nulla preoccupata ha continuato ciò che stava facendo, ha cucinato e mangiato il carciofo e solo il giorno dopo (il 18) ha raccontato il fatto al supermercato da dove l’aveva comperato…il titolare solo allora ha avvertito i carabinieri e l’ASL che hanno potuto ritirare gli altri carciofi per controllare andasse tutto bene

COSA È SUCCESSO? – Ma cosa sarebbe successo, in definitiva, a questo carciofo? La colpa sarebbe proprio del fertilizzante o meglio, di una piccola quantità di fertilizzante rimasta intrappolata in una sacca d’aria formatasi all’interno dell’ortaggio e che sarebbe fuoriuscita nel momento in cui la signora lo ha tagliato. Non ci sarebbero state né esplosioni né fiammate e, anzi, il carciofo sarebbe stato mangiato. Scrive ancora Bufale un tanto al chilo:

Si, le foglie del carciofo DOPO la cottura  forse erano bruciacchiate, ma non per l’esplosione (che non c’è stata) ma perché era stato cotto, e comunque nessuno lo sa, visto che il carciofo è stato comunque mangiato con gusto…non vi erano ordigni di sorta all’interno!

(Photocredit: LaPresse)