Magdi Allam si arrabbia con Libero

di - 14/05/2011 - L’europarlamentare manda una piccata replica al quotidiano per l’articolo di ieri Magdi Allam non ci sta e si arrabbia con Libero. Dopo l’articolo di ieri che riportava le dichiarazioni rese alla tv del Riformista, l’europarlamentare scrive una lettera al quotidiano

L’europarlamentare manda una piccata replica al quotidiano per l’articolo di ieri

Magdi Allam non ci sta e si arrabbia con Libero. Dopo l’articolo di ieri che riportava le dichiarazioni rese alla tv del Riformista, l’europarlamentare scrive una lettera al quotidiano diretto da Belpietro per smentire. Ecco la replica e  la risposta di Francesco Specchia, autore dell’articolo:

Caro Direttore,
sono rimasto esterrefatto leggendo l’articolo di Francesco Specchia dal titolo “Magdi Democristiano Allam, All’Europarlamento non ci vado però mi permette di mangiare”, pubblicato ieri da Libero. Si è trattato di una infelice e arbitraria rielaborazione di seconda mano di dichiarazioni estrapolate dal loro contesto, senza verificare la loro autenticità confrontandosi con me, per avvalorare una tesi pregiudizialmente critica e lesiva della mia onorabilità. Il fatto che la pubblicazione coincida con la chiusura della campagna elettorale che mi vede impegnato come capolista di “Io amo Milano”a sostegno della candidatura di Letizia Moratti, si traduce per me in un dannosul piano dell’immagine. Ilmio rammarico è ancor più forte trattandosi di una testata per la quale ho collaborato e dove i miei interventi sono sempre stati pubblicati con l’apprezzamento e la condivisione dei contenuti. Mi si rappresenta come un volpone che vorrebbe campare sulle spalle dei contribuenti lavorando poco e guadagnando molto, anzi moltissimo. Ebbene vorrei innanzitutto chiarire che se fossi stato veramente attaccato al denaro, non mi sarei mai dimesso volontariamente alla fine del novembre 2008 dalla vice-direzione del Corriere dellaSera, dove beneficiavo di un trattamento economico più che privilegiato, e sono rimasto di fatto disoccupato per otto mesi fino alla mia elezione nel giugno 2009. Al mio arrivo nel Parlamento Europeo ho riscontrato una realtà che non mi appartiene. Questa Europa è un colosso di materialità senz’anima e il Parlamento Europeo è un’istituzione funzionale al perpetuamento di questa realtà. Il dato citato sul mio assenteismo risale al primo anno della legislatura e si spiega con il fatto che per circa tre mesi, dal gennaio al marzo del 2009, non ho potuto frequentare perché impegnato nella campagna per la Presidenza della Regione Basilicata. Ma abitualmente frequento il Parlamento Europeo dal lunedì al giovedì così come è prassi. Spiace che si pubblichino cifre inesatte dal momento che lo stipendio del parlamentare europeo è di 6 mila euro e non di oltre 12 mila euro. Spiace soprattutto che si siano mescolati ad arte un insieme di estrapolazioni e di menzogne al fine di elaborare una tesi diffamante. Sono una persona seria e perbene che ha sempre pagato per fare delle scelte di vita dove ho anteposto la ricerca della verità, la salvaguardia della libertà e la realizzazione del bene comune rispetto a qualsiasi altra considerazione. Mi propongo di contribuire a fare di Milano il modello europeo dell’integrazione attraverso l’istituzione di un nuovo Assessorato all’Identità, Cittadinanza, Integrazione e Sviluppo solidale. Mi metto a disposizione non perché mi interessa un’altra poltrona ma perché sono fermamente convinto che dobbiamo agire per prevenire il rischio dell’esplosione della conflittualità sociale nel momento in cui si toccano con mano dei preoccupanti sintomi legati al venir meno del rispetto delle regole, del rifiuto dell’integrazione e della crescita del radicalismo islamico.

La replica di Specchia:

* * * * * Per carità, onorevole, nessuna menzogna o tesi diffamante. Mai dubitato del suo impegno, ma, scusi, di fare l’eurode – putato mica gliel’ha ordinato il medico. E sugli stipendi lordi o netti dei nostri europarlamentari (i più alti della UE) ci si sarebbe a dire assai. Ciò detto, onorevole Allam, lei non ha smentito affatto la sua videointervista che è pubblica e di cui mi pare d’aver riportato tutto. E sì che l’aveva fatta in italiano, mica in arabo…

10 Commenti

  1. Marco scrive:

    Effettivamente Allam ha ragione. E’ vergognoso come certi giornalisti infangano e diffamano costruendo tesi basate sul nulla, guarda caso a due giorni dalle elezioni. Un in bocca al lupo al sig. Allam che ce la sta mettendo tutta per far emergere un nuovo modo di concepire la politica nonostante molti ce la mettono tutta per ostacolarlo come sempre accade con i volti nuovi e seri che si affacciano in politica!

    • A MARCO RISPOSTA DA SPECCHIA NESSUN COMPLOTTO, S’INFORMI
      Primo: nessuno infanga nessuno, e le elezioni non c’entrano nulla. Io faccio solo il giornalista e dò notizie, e quando uno si vanta prendere soldi (nostri) da un istituzione in cui non crede, dovrebbe quantomeno dimettersi (specie se si fa dell’etica un programma politico), Se non lo fa deve mettere in conto la critica, anche dalla sua parte.
      Secondo: Allam non ha querelato perchè quelle cose le ha prprio dette in una pubblica intervista; se le guardi anche lei prima di parlare a vanvera. Altro che tesi basate sul nulla. Io sono da sempre di area centrodestra, mai votato a sinistra in vita mia, e Libero è un giornale Libero perchè dà notziie anche scomode; non cerchi di infilarmi nei vostri giochini politici, che tanto non le riesce.
      Il bello è che invece di scusarsi di aver detto una cazzata, saltano fuori le tesi complottostiche. Alla faccia della trasparenza e dell’etica…
      cari saluti
      f.specchia

  2. leppie scrive:

    VoteWatch.eu lo dà al 66.02% di presenze, al 715simo posto.

    Gennaio marzo 2009 è la precedente legislatura, per altro.

  3. mario scrive:

    questo signore pretenderebbe un trattamento di favore solo perchè ha una lista che appoggia la moratti.stupisce però una cosa.quando la proliferazione delle liste avveniva al sud si gridava allo scandalo ora il nord è invaso dalle liste e nessuno dice niente.in sicilia abbiamo avuto il coraggio di recidere il rapporto di scambio fra liste e candidato sindaco che ha portato tanti danni alla politica.da noi dalla prossima tornata elettorale chi vuol votare per sindaco deve fare un segno sul suo nome.

  4. franco scrive:

    mai provato ad andare a lavorare in fabbrica?, li mica si lavora (per chi è fortunato e lo trova) dal lunedì al giovedì, e magari anche di notte e non per 6.000 o 12.000 euro al mese! e per di più con presenze del 66% ti licenziano!
    Se poi l’europa è un posto così materialista e senza morale, chissà come è essere alleato di berlusconi?

    • silvia scrive:

      quoto franco; gli ci vorrebbe a tutti quanti un bel giochino: lo scambio con un comune mortale, come nel film “una poltrona per due”, ma questi mica sopravviverebbero!!!!!

  5. Antonio scrive:

    Solo per il fatto che appoggia la Moratti!

  6. re fosco scrive:

    ….allora il Cristian dovrebbe spiegarmi come mai ,digitando :stipendi rimborsi europarlamentari italiani ,mi da cifre diverse .144.000 € annuali ma con i benefit e rimborsi , leggo : può arrivare a 35 000 mensili. ( da un giornale abruzzese ) non male…eh ?

  7. Agnese scrive:

    Ed io quoto Silvia. Il problema vero è che con stipendi di 6.000 o 12.000 o 20.000 (come dicono degli stipendi di alcuni consiglieri regionali), con tutti i privilegi di cui godono parlamentari, europarlamentari, governatori & Co., questa gente non ha la minima percezione dei problemi con cui deve lottare quotidianamente chi riesce a portare a casa (per chi ha la fortuna di lavorare…) si e no 1000-1.500 al mese in due lavorando anche sette giorni su sette e altro che privilegi…

  8. walid fayez scrive:

    Alam è solo un burattino dei sionisti in Italia con lo specifico compito di diffamare la religione islamica e portare avanti una campagna infame di odio e di istigazione contro i musulmani. E’ un soggetto che ormai sputtanato che non ha ne peso ne valore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie