|

Le orge dei Led Zeppelin

Prima di rivolgere il loro interesse alla droga, i membri della band hanno fatto follie, anche se le voci su satanismo e zoofilia alla fine risulteranno eccessive.

led zeppelin
Spettacolo dal vivo a Stoccolma in presenza della band. Via El Mundo

LEGGENDA E NO – Sui Led Zeppelin si sono accumulate decine di storie d’eccessi, alcune delle quali poi nel tempo si sono dilatate fino a diventare leggendarie. Un meccanismo del genere ad esempio ha gonfiato la storia dell’incontro con una groupie di 17 anni in un racconto di penetrazioni inverosimili, compreso l’inserimento anale di uno squaletto nella poverina, il tutto partendo da un gioco erotico con il quale uno dei tre presenti aveva provato ad eccitare la giovane usando un pesce.

L’ABBONDANZA – Le occasioni non mancavano e, come riconosceranno poi i membri della band in seguito, loro stessi non potevano credere all’abbondanza di groupie che s’offrivano loro, da quelle improvvisate a quante come ad esempio la famosa Lori Maddox, a quattordici anni inseguivano i grandi del rock e arriveranno poi a far parte di un gruppo musicale formato da groupie, le GTO. Maddox finirà anche nel letto di Jimmy Page, che alla fine la cambierà per mettersi con una neo-diciottenne e mettersi così al riparo da possibili conseguenza legali.

TANTO SESSO, QUALCHE DISASTRO – A sentire loro, i disastri peggiori li fecero in Giappone, dove una sera rimasero senza vestiti nel bel mezzo di un’orgia, sottratti da una fan locale, o dove Jimmy Page comprò una katana e la usò per distruggere dei preziosi dipinti dell’epoca Edo, il tutto, e non è tutto,  in appena 48 ore. L’immagine sopra è relativa a una serata allo Chat Noir di Stoccolma, durante la quale ai quattro furono consegnati dei dischi d’oro mentre una coppia faceva sesso dal vivo sul palco, occasione formale e poco scandalosa nel complesso, la band infatti preferiva scatenarsi al riparo da occhi indiscreti, come accadeva a bordo del loro aereo attrezzato con camere da letto,un Boeing 720 battezzato Starship.

L’HANNO SEMPRE FATTA FRANCA – Scatenati, si spogliarono anche di fronte alla giornalista Ellen Sander che doveva intervistarli, e che temette un’aggressione, per mostrarsi “nudi di fronte alla verità”, ma non finirono mai nei guai con la giustizia, nemmeno per la droga che sul finire degli anni ’70 cominciarono a consumare in grande quantità, se non quando nel 1977 due del gruppo furono accusati di aver aggredito, insieme a un gangster, un addetto alla sicurezza dell’albergo di San Francisco che li ospitava.