|

Il “pacco” di Ibrahimovic al piccolo fan in fin di vita

In tanti si adoperano perché un bambino di otto anni possa incontrare il suo idolo, Zlatan Ibrahimovic, ma il campione ha dato buca, costringendo bimbo e famiglia a un mesto rientro a casa. Ne parlano il Daily Mail e l’Ansa.

ibrahimovic

IL BAMBINO MORENTE – Il piccolo Hajrudin Kamenjas, otto anni, da sei malato di una forma di leucemia gravissima, ha affrontato un viaggio fino a Parigi per incontrare il suo idolo Zlatan Ibrahimovic, il fuoriclasse svedese di origine bosniaca, ma domenica è ritornato a Sarajevo senza aver realizzato il suo ultimo desiderio. Lo riferiscono i media bosniaci.

LA STORIA DI UN INCONTRO MANCATO – Un mese fa Ibrahimovic aveva mancato l’incontro con il ragazzino malato durante una trasferta, ma poi gli aveva inviato la sua maglia con l’autografo e un video messaggio in cui gli diceva che lo pensava sempre e che gli dispiaceva di non averlo incontrato. Alla delusione del bimbo avevano risposto alcuni benefattori locali e una ONG tedesca. Il viaggio è stato organizzato dall’attivista umanitaria Tehvida Thea Rekic, bosniaca emigrata in Germania dove ha fondato una Ong, e finanziato da un calciatore bosniaco che ha voluto mantenere l’anonimato.

IL VIAGGIO A VUOTO – A Parigi, Hajrudin ha potuto assistere a una partita in cui Ibrahimovic non giocava per un infortunio, aspettando invano che il calciatore, come annunciato, lo raggiungesse nella tribuna d’onore. Dopo altri numerosi e inspiegabili rinvii nel corso dei tre giorni di permanenza nella capitale francese, la limousine del club ha riaccompagnato il piccolo all’aeroporto senza che fosse riuscito a realizzare il suo sogno. Nonostante la famiglia del piccolo sia arrivata appositamente a Parigi dopo accordi presi con il Paris Saint-Germain, la squadra di Ibrahimovic, il campione non si è presentato ai numerosi appuntamenti annunciati ad Hajrudin.

LA PIETOSA MENZOGNA – Hajrudin ha la leucemia e nonostante un trapianto di midollo non ce la farà, i medici gli hanno dato poco più di un mese di vita e ai genitori non è rimasto altro che cercare di soddisfare il suo più grande desiderio, quello d’incontrare il suo idolo, che è cittadino svedese, ma d’origini bosniache per parte di padre. Poteva essere una bella storia, ma non c’è stato il lieto fine, ad Hajrudin i genitori hanno detto che Ibrahimovic era molto malato e lo hanno riportato a casa, dove magari trascorrerà i suoi ultimi giorni sperando che il suo campione preferito si rimetta presto, lui che può.