|

La ragazza suicida perché i genitori le avevano vietato Facebook

Le avevano detto di concentrarsi di più sullo studio, mettendo da parte le distrazioni. Basta telefonate fiume alle amiche e basta Facebook. Così lei si è chiusa in camera sua e si è impiccata.

ragazza-indiana-suicidio-facebook-2

«NIENTE FACEBOOK». E LEI SI IMPICCA – È finita così la vita di una ragazza indiana di 17 anni, che si è uccisa dopo che i genitori le avevano vietato l’uso del popolarissimo social network. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, la ragazza si chiamava Aishwarya S. Dahiwal, e viveva con la sua famiglia a Parbhani, nello stato dell’India occidentale del Maharashtra. Il dramma si sarebbe consumato mercoledì sera, quando la ragazza avrebbe chiesto ai genitori il permesso di collegarsi a Facebook. Ne sarebbe nata una discussione, durante la quale la madre avrebbe rimproverato la figlia di dedicare meno attenzione ai suoi studi passando sempre più tempo sui social network o al telefono con le amiche. Arrabbiata, Aishwarya si è rifugiata in camera sua e si è impiccata. L’hanno trovata soltanto la mattina seguente, con accanto un biglietto che spiegava i motivi del suo gesto, facendo anche un esplicito riferimento al divieto di usare Facebook impostole dai genitori. «Non riusciamo a crederci. Siamo scioccati – ha detto il padre della ragazza – Volevamo solo che si concentrasse sui suoi studi. Non avremmo mai pensato che fosse capace di un gesto così tragico».

SEMPRE PIÙ RAGAZZI SUICIDI – Il suicidio di Aishwarya riaccende i riflettori su un inquietante aumento del numero di suicidi tra gli adolescenti del Maharashtra, uno degli stati più sviluppati dell’India. Soltanto nell’ultimo anno oltre sedicimila ragazzi e ragazze si sono tolti la vita. Secondo Johnson Thomas, direttore di un «telefono amico» anti-suicidio di Mumbai, la maggior parte di questi giovani ricorrerebbe al suicidio a causa di un’eccessiva pressione accademica, a causa delle difficoltà di relazione con i propri coetanei e con i genitori o, ancora, per colpa di una storia d’amore finita male.

IL WEB IN INDIA – In India, l’uso dei social network e, più in generale di Internet, sta crescendo rapidamente: secondo gli analisti entro la fine dell’anno il web coinvolgerà 200 milioni di indiani, a fronte di una popolazione totale di 1,2 miliardi di persone. Lo scorso giugno, un sondaggio condotto dalla società di consulenza Tata aveva rivelato come il 92% degli studenti indiani preferisca Facebook al telefono come mezzo di comunicazione con gli amici.

(Photocredit: Getty Images, foto di repertorio)