Maria Edera Spadoni: la deputata M5S «aggredita» dal parlamentare Pd

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca

Lo rivela su Facebook, attaccando il collega Enzo Lattuca. Che nega

La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni ha denunciato attraverso il proprio profilo Facebook di essere stata aggredita dal collega del Partito democratico Enzo Lattuca: «Questa sera sono stata aggredita in aula dal deputato Lattuca (PD). Si è avvicinato a 5 cm dal volto e ha cercato ripetutamente di darmi dei pugni, gridandomi addosso. Non nascondo che sono abbastanza turbata», ha spiegato la “cittadina” a 5 stelle. Ma Lattuca si è difeso: «Sono solo falsità. Non ho aggredito, minacciato né tantomeno tentato di dare pugni a nessuno. Chi era vicino a me quando ho risposto ad una provocazione della collega Spadoni (che mi accusava di aver pagato 35 mila euro per essere candidato) invitandola a fare toc toc (facendo ovviamente solo il gesto) nella testa del suo collega per vedere cosa c’era dentro potrà confermare. Sono davvero amareggiato di tutto quello che si sta sollevando», ha replicato il parlamentare democratico.

Enzo Lattuca (Pd)
Enzo Lattuca (Pd)

LA DENUNCIA DI MARIA EDERA SPADONI E LA DIFESA DI ENZO LATTUCA – La notizia dell’ «aggressione» rivelata dalla parlamentare grillina è subito rimbalzata in rete, dopo la denuncia pubblicata sul social network.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 3

La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni
La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni

Dopo la difesa del deputato del Partito democratico, che ha parlato di «semplice toc toc», lo scontro è ripartito su Twitter, con le accuse reciproche tra i parlamentari a 5 stelle e il deputato democratico accusato.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 4

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 6

Non pochi parlamentari grillini hanno attaccato Lattuca: «Quel che è accaduto in aula è intollerabile in una Repubblica parlamentare», ha spiegato Alessandro Di Battista, ricostruendo su Facebook quanto accaduto:

«Il collega Manlio Di Stefano ha fatto un intervento legittimo sul Capo dello Stato. Lo critica duramente, ma correttamente. La Presidente Sereni (PD) si comporta in modo parziale, più realista del Re Giorgio, censura, toglie la parola, mente (quando dice “ha finito il tempo” al secondo 48 quando si hanno 2 minuti negli interventi di fine seduta). Al momento della censura il gruppo del M5S, compatto, ha protestato sonoramente costringendo la Presidente a tornare sui suoi passi e ridare la parola al collega Di Stefano che conclude il suo fastastico intervento».

Tutto mentre, secondo la ricostruzione di Alessandro Di Battista, «Enzo Lattuca, deputato PD, aggrediva fisicamente e verbalmente la collega del M5S Maria Edera Spadoni, prima firmataria della Convenzione di Istanbul sulla violenza sulle donne, dimostrando un atteggiamento da squadrista di bassa categoria».

Secondo Di Battista le polemiche nascerebbero dal fatto che «in questa legislatura dell’inciucio e della “rielezione”, Presidenti di Camera e Senato ritengono il Presidente Napolitano innominabile e non criticabile». Non manca l’affondo: «Ma dove siamo in dittatura? Se pensate di intimorire sappiate che state ottenendo l’opposto: state rafforzando i cittadini nelle Istituzioni. Presto andrete a casa e certi atteggiamenti da fine regime saranno soltanto un brutto ricordo», ha continuato Di Battista, invitando i militanti in rete a diffondere il filmato e la denuncia dell’aggressione da parte di Maria Edera Spadoni. «Tutti devono sapere», ha concluso.

 

TUTTE LE ACCUSE – Non è l’unico tra i “cittadini” a 5 stelle ad attaccare il Pd per l’episodio: Giulia Di Vita racconta di «Lattuca (Pd) palesemente urtato» e aggiunge come «dallo scontro verbale» si sarebbe passati «a quello fisico». «Non so ancora per quale motivo. I commessi hanno cercato di bloccare Lattuca, Villarosa e Tripiedi di calmarlo. Maria Edera Spadoni resta bloccata, ferma appoggiata agli scranni e si guarda attorno, Lattuca le ha fatto ‘toc toc’ sulla testa mentre le urlava contro a distanza ravvicinata continuando a mimare pugnetti sulla testa», ha continuato Giulia Di Vita. Luigi Di Maio, invece, ha spiegato di aver chiesto interventi dell’Ufficio di Presidenza della Camera, in modo che il comportamento di Lattuca possa essere esaminato «urgentemente».

ENZA BRUNA BOSSIO (PD) DIFENDE LATTUCA – Lattuca viene difeso anche su Facebook dai colleghi del Pd. Tra questi c’è la deputata Enza Bruna Bossio, eletta in Calabria: «Ma siete tutti bruciati! Non c’è stato nessun evento e nessuno ha picchiato nessuno. È una invenzione della Maria Spadoni. Io c’ero. Se avete un video che dimostra il contrario di quello che sto scrivendo mostratelo!!», ha replicato la democratica.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 5

Lo stesso Lattuca ha continuato a difendersi su Twitter:

 

 

Intanto sul social l’hashtag #TocToc comincia a spopolare. Con tanto di denunce dei militanti a 5 Stelle: