Maria Edera Spadoni: la deputata M5S «aggredita» dal parlamentare Pd

25/10/2013 - di

Lo rivela su Facebook, attaccando il collega Enzo Lattuca. Che nega

Maria Edera Spadoni: la deputata M5S «aggredita» dal parlamentare Pd

La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni ha denunciato attraverso il proprio profilo Facebook di essere stata aggredita dal collega del Partito democratico Enzo Lattuca: «Questa sera sono stata aggredita in aula dal deputato Lattuca (PD). Si è avvicinato a 5 cm dal volto e ha cercato ripetutamente di darmi dei pugni, gridandomi addosso. Non nascondo che sono abbastanza turbata», ha spiegato la “cittadina” a 5 stelle. Ma Lattuca si è difeso: «Sono solo falsità. Non ho aggredito, minacciato né tantomeno tentato di dare pugni a nessuno. Chi era vicino a me quando ho risposto ad una provocazione della collega Spadoni (che mi accusava di aver pagato 35 mila euro per essere candidato) invitandola a fare toc toc (facendo ovviamente solo il gesto) nella testa del suo collega per vedere cosa c’era dentro potrà confermare. Sono davvero amareggiato di tutto quello che si sta sollevando», ha replicato il parlamentare democratico.

Enzo Lattuca (Pd)

Enzo Lattuca (Pd)

LA DENUNCIA DI MARIA EDERA SPADONI E LA DIFESA DI ENZO LATTUCA – La notizia dell’ «aggressione» rivelata dalla parlamentare grillina è subito rimbalzata in rete, dopo la denuncia pubblicata sul social network.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 3

La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni

La deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni

Dopo la difesa del deputato del Partito democratico, che ha parlato di «semplice toc toc», lo scontro è ripartito su Twitter, con le accuse reciproche tra i parlamentari a 5 stelle e il deputato democratico accusato.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 4

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 6

Non pochi parlamentari grillini hanno attaccato Lattuca: «Quel che è accaduto in aula è intollerabile in una Repubblica parlamentare», ha spiegato Alessandro Di Battista, ricostruendo su Facebook quanto accaduto:

«Il collega Manlio Di Stefano ha fatto un intervento legittimo sul Capo dello Stato. Lo critica duramente, ma correttamente. La Presidente Sereni (PD) si comporta in modo parziale, più realista del Re Giorgio, censura, toglie la parola, mente (quando dice “ha finito il tempo” al secondo 48 quando si hanno 2 minuti negli interventi di fine seduta). Al momento della censura il gruppo del M5S, compatto, ha protestato sonoramente costringendo la Presidente a tornare sui suoi passi e ridare la parola al collega Di Stefano che conclude il suo fastastico intervento».

Tutto mentre, secondo la ricostruzione di Alessandro Di Battista, «Enzo Lattuca, deputato PD, aggrediva fisicamente e verbalmente la collega del M5S Maria Edera Spadoni, prima firmataria della Convenzione di Istanbul sulla violenza sulle donne, dimostrando un atteggiamento da squadrista di bassa categoria».

Secondo Di Battista le polemiche nascerebbero dal fatto che «in questa legislatura dell’inciucio e della “rielezione”, Presidenti di Camera e Senato ritengono il Presidente Napolitano innominabile e non criticabile». Non manca l’affondo: «Ma dove siamo in dittatura? Se pensate di intimorire sappiate che state ottenendo l’opposto: state rafforzando i cittadini nelle Istituzioni. Presto andrete a casa e certi atteggiamenti da fine regime saranno soltanto un brutto ricordo», ha continuato Di Battista, invitando i militanti in rete a diffondere il filmato e la denuncia dell’aggressione da parte di Maria Edera Spadoni. «Tutti devono sapere», ha concluso.

 

TUTTE LE ACCUSE – Non è l’unico tra i “cittadini” a 5 stelle ad attaccare il Pd per l’episodio: Giulia Di Vita racconta di «Lattuca (Pd) palesemente urtato» e aggiunge come «dallo scontro verbale» si sarebbe passati «a quello fisico». «Non so ancora per quale motivo. I commessi hanno cercato di bloccare Lattuca, Villarosa e Tripiedi di calmarlo. Maria Edera Spadoni resta bloccata, ferma appoggiata agli scranni e si guarda attorno, Lattuca le ha fatto ‘toc toc’ sulla testa mentre le urlava contro a distanza ravvicinata continuando a mimare pugnetti sulla testa», ha continuato Giulia Di Vita. Luigi Di Maio, invece, ha spiegato di aver chiesto interventi dell’Ufficio di Presidenza della Camera, in modo che il comportamento di Lattuca possa essere esaminato «urgentemente».

ENZA BRUNA BOSSIO (PD) DIFENDE LATTUCA – Lattuca viene difeso anche su Facebook dai colleghi del Pd. Tra questi c’è la deputata Enza Bruna Bossio, eletta in Calabria: «Ma siete tutti bruciati! Non c’è stato nessun evento e nessuno ha picchiato nessuno. È una invenzione della Maria Spadoni. Io c’ero. Se avete un video che dimostra il contrario di quello che sto scrivendo mostratelo!!», ha replicato la democratica.

Maria Edera Spadoni aggredita Enzo Lattuca 5

Lo stesso Lattuca ha continuato a difendersi su Twitter:

 

 

Intanto sul social l’hashtag #TocToc comincia a spopolare. Con tanto di denunce dei militanti a 5 Stelle:

 

 

37 Commenti

  1. ruggero finzi contini scrive:

    e meno male che erano i 5 stelle ad essere in odore di fascismo. Come si evince dalla violenza fisica appalesata da uomini contro le donne di fascismo ce n’è tanto nelle “squadracce” della kasta piddina. Vedendosi in pericolo diventano nervosi e tirano fuori la loro intima essenza fatta di affarismo con banche, imprese immobiliari, gioco d’azzardo, slot machine e questi li conoscevamo e adesso tirano fuori pure lo squadrismo. Poco per volta stanno facendo strame della democrazia, fra breve vestiranno in orbace, tutti inquadrati a sfilare al passo dell’oca. L’antifascismo e la recita dei mantra dei sacri valori della democrazia nei clubs riservati della casta piddiellina na piddimenoellina sono passati di moda si vede . Li adoperano solo per accusare gli altri di quello che fanno loro, delloro fascismo. Ci vorrano di nuovo i partigiani per cacciare via questi farabutti. Paradossale !!

    • roberto scrive:

      se chiunque uomo o donna mi avesse accusato falsamente di aver pagato la mia eventuale candidatura per essere eletto gli avrei messo sul serio le mani addosso. quando si diffama qualcuno o si hanno le prove o ti devi aspettare conseguenze. il deputato lattuca è stato fin troppo moderato nella reazione. adesso facciamo una prova… ruggero finzi contini è un pedofilo….se fossi davanti a te e ti affibbiassi questo titolo ti incazzeresti o no?

      • Iperx scrive:

        No, ti ignorerei prima, se continui ti partirebbe una querela. Solo i trogloditi usano le mani quando si sentono attaccati.

    • LaR scrive:

      intanto la bugiarda ha già dovuto ritrattare.
      prima provoca con accuse e diffamazioni e poi si inventa una aggressione inesistente.
      roba da denuncia.
      cosa non farebbe certa gentaglia senza etica e senza vergogna per una comparsata sui media.

  2. gnaojones scrive:

    ma come, le si è “avvicinato a 5 cm” e ha provato a darle dei pugni, ma senza riuscirci? Ma che vuol dire? Fa acqua da tutte le parti….

    • LaR scrive:

      anche per mentire in modo convincente ci vorrebbe intelligenza.
      la sciacquetta in questione non ha niente. nè intelligenza, nè etica, nè cultura, nè onestà. è una mantenuta che cerca di restare attaccata alla poltrona strappando voti con questi trucchetti meschini.
      la poverina forse pensava che siamo tutti cretini, essendo abituata nei meetup, dove si bevono qualunque minchiata.

  3. fabriziopiludu scrive:

    Per i CALCI di Daniela Santanchè, avete detto NIENTE!!!
    Con le donne, siete TIMIDI e IMBRANATI!!!!!!!

    • Hyksos scrive:

      Guaglio’, mo’ m’aggio scassato ‘o cazz’!
      Se t’acciuffo, i calci nelle palle te li do io, d’accordo? Così puoi fare il confronto con Xena… :D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

screenshot via corriere.tv.

Operazione “Aquila Nera”, arrestati 14 neofascisti: progettavano attentati

10:00 Il risultato di un blitz dei carabinieri del Ros, coordinati dalla procura dell’Aquila, contro un «gruppo clandestino che, richiamandosi agli ideali di «Ordine Nuovo», progettava azioni violente nei confronti di obiettivi istituzionali, utilizzando i social network quale strumenti di propaganda eversiva». Nel mirino anche Equitalia CONTINUA

Claudio Bernardi/LaPresse

Confutazione di Benigni

9:50 Questa è una rotonda confutazione del telepredicatore Benigni, delle sue chiacchiere e del fenomeno in sé. Per cimentarmi nell’impresa non mi sono premurato di assistere alle due serate sui Dieci Comandamenti, ma solo di leggere qua e là i CONTINUA