|

I parlamentari più assenteisti d’Italia

Pietro Longo, Daniela Santanchè, Denis Verdini, Umberto Bossi, lo stesso Silvio Berlusconi: tanto appaiono spesso in tv e sui giornali tanto è raro trovarli in aula. È SkyTg24 a mettere le mani sulle statistiche ufficiali di Camera e Senato e a stilare la classifica dei più assenteisti tra i parlamentari italiani. Numeri che fanno alzare più di un sopracciglio, se si considera che per molti di questi, il numero delle presenze alle votazioni di Camera e Senato rasenta pericolosamente lo zero. O, per voltare la frittata, tocca il 100% di assenze, come quelle collezionate dal deputato Antonio Angelucci del Pdl che nei 1370 voti dall’inizio della legislatura il suo non c’è mai stato, facendogli guadagnare il soprannome di «il fantasma».

parlamentari assenteisti 1

I FANTASMI ALLA CAMERA – Ma Angelucci è in buona compagnia: insieme a lui, nella classifica dei più assenti non giustificati ci sono anche i già citati compagni di partito Pietro Longo e Daniela Santanchè, che superano entrambi il 90% di assenze dai lavori parlamentari, Umberto Bossi della Lega Nord, Bombassei di Scelta civica e Guido Galperti e Umberto Marroni del Pd.

Guarda le foto:

SILVIO BERLUSCONI RECORDMAN DELL’ASSENTEISMO – Va sottolineato, come lo fa Alessandro Taballione nel suo servizio per SkyTg24, che il sito della Camera mette a disposizione le statistiche senza specificare se le assenze siano dovute a malattie o altri incarichi. Anche così, comunque i numeri sono piuttosto avvilenti, considerando il fatto che si fa esplicito riferimento alle sessioni con voto. Al Senato la situazione non migliora, con Silvio Berlusconi recordman dell’assenteismo: dall’inizio della legislatura è stato presente a un voto soltanto: quello della fiducia a Letta, lo scorso 2 ottobre. E sono molti gli uomini dell’entourage del Cavaliere che si fanno vedere ben poco a Palazzo Madama: il suo legale Nicolò Ghedini, ad esempio, che ha totalizzato il 99,94% di assenze, o «l’uomo del Pdl» Denis Verdini che non c’è stato il 99,88% delle volte. Un po’ più in basso nella classifica dei senatori «introvabili» anche due nomi noti: l’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti (assente l’88,88% delle volte) e anche lo stesso Mario Monti, che ha disertato l’aula nel 65% delle occasioni.

I VIRTUOSI ALLA CAMERA – Ma ci sono anche i virtuosi, e Sky mette in luce anche quelli: alla Camera il record delle presenze spetta a Francesco Cariello del MoVimento 5 Stelle (presente al 99,12% delle votazioni), che stacca di poco Giorgio Brandolin del Pd, Lainati del Pdl e Paola Binetti di Scelta Civica, che ha votato il 94% delle volte.

Guarda le foto: 

E AL SENATO? – Anche al Senato la situazione è piuttosto eterogenea con i primi cinque virtuosi classificati e provenienti da altrettanti partiti: la più solerte è Donatella Albano del Pd, che ha votato il 99,88% delle volte seguita, nell’ordine da Paolo Arrigoni (Lega Nord); Lucio Barani (Gal), Giacomo Caliendo (Pdl) e Ornella Bertorotta (MoVimento 5 Stelle), tutti con un tasso di presenze superiore al 96%.

(Photocredit: SkyTg24)