|

A Servizio Pubblico Michelle Bonev e la verità sulla notte con Berlusconi

Questa sera a Servizio Pubblico, in onda alle 21.10 su La7, verrà trasmessa un’intervista esclusiva all’attrice Michelle Bonev che racconterà i suoi rapporti con Silvio Berlusconi, il suo contratto con la Rai e l’intervento dei ministri dell’esecutivo guidato dal Cavaliere in favore del suo film «Goodbye Mama».

servizio pubblico michelle bonev

SERVIZIO PUBBLICO MICHELLE BONEV, LA TESTIMONIANZA – Il sito di Servizio Pubblico propone qualche anticipazione delle parole dell’attrice e regista bulgara, intervistata da Francesca Fagnani: «Quando Berlusconi mi disse che la Rai sarebbe stata molto felice di acquistare i diritti del mio film per 1 milione di euro, rimasi molto colpita. Sai, mi disse lui, è stato grazie al mio intervento, ho parlato con chi di dovere…ho chiamato Masi. Non ti piacerebbe poi andare a Venezia? Parlo col ministro Bondi e vediamo come arrivare ad avere un premio». Il premio assegnatole fu «Action for Women».

LEGGI ANCHE: Michelle Bonev: chi è la donna che ha accusato Francesca Pascale

 

SERVIZIO PUBBLICO MICHELLE BONEV, IL PREMIO – Sandro Bondi presentò il premio definito speciale in occasione del sessantesimo anniversario della Convenzione europea per la Salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle Libertà fondamentali. Come spiegammo nel 2010 Il Fatto Quotidiano, a firma di Malcom Pagani, spiega cosa è successo tra Sandro Bondi e Nicola Borrelli, direttore generale del Ministero dei Beni Culturali, sezione cinema:

Da una parte del filo il ministro Bondi, dall’altra Nicola Borrelli, direttore generale del ministero dei Beni culturali, sezione cinema. “Dottore, allarme rosso. Un’emergenza terrificante. C’è una amica molto cara al primo ministro bulgaro e al premier, una brava ragazza, si chiama Michelle Bonev. Dice che vuole andare al Festival di Venezia e che partecipare non le basta più. Il nostro presidente Berlusconi le ha promesso che lo vincerà e che sarà una bellissima serata, piena di luci e colori. Una serata di libertà. Lei, con il tempo, se ne è convinta e non c’è verso di farle cambiare idea”. Borrelli, ex vice di Blandini precipitato al comando nel biennio più difficile della recente storia culturale italiana, balbetta qualcosa. “Ministro, proviamo, non so se sarà possibile”.

Il resto dell’intervista andrà in onda alle 21.10.