|

«Gesù? L’hanno inventato i Romani»

Joseph Atwill, autore di  “Caesar’s Messiah: The Roman Conspiracy to Invent Jesus” ha una teoria che a Londra suscita curiosità, il cristianesimo è stato inventato dai romani.

Caesar Messiah

UNA PSY-OP – E non solo il cristianesimo, anche la figura di Gesù sarebbe stata creata dal niente come strumento di guerra psicologica per demotivare gli ebrei che aspettavano il Messia guerriero che avrebbe distrutto tutti i loro nemici. Molto meglio il Messia-Gesù con il suo messaggio che diceva agli schiavi che se erano schiavi era per il volere di Dio, che li avrebbe premiati in seguito per le loro sofferenze in terra.

IL CONTROLLO MENTALE – Secondo Atwill l’idea non era quella di creare una nuova religione, ma solo quella di seminare la confusione tra gli ebrei, diffondendo durante il primo secolo i libri del Nuovo Testamento incentrati sul protagonista Gesù, presentato come alternativa al classico Messia ebraico. Nelle sue parole, che non lasciano spazio al dubbi: «Il cristianesmo può essere considerato una religione, ma in realtà fu sviluppato come un sistema di controllo mentale per produrre schiavi che credevano che Dio avesse decretato la loro schiavitù»

SCHIAVI E CONTENTI – Il Messia pacifista che offre l’altra guancia sarebbe stata l’ideale alternativa utile al patriziato romano per mantenere e consolidare il proprio sistema di valori con la sanzione divina e ottenere che i sottomessi dessero a Cesare quel che era sua senza star tanto a discutere. In effetti poi il clero cristiano eserciterà quasta funzione consolotaria presso schiavi e reietti, rafforzando la repressione con una predicazione che invitava i sottomessi a restarlo e il buon diritto dei padroni a fare i padroni.

COMPLOTTI SU COMPLOTTI – Secondo Atwill i racconti del Nuovo Testamento seguono le tracce della campagna militare ai tempi di Tito Flavio, quasi che fossero stati prodotti da qualcuno al suo seguito durante quell’impresa. La teoria di Atwill va ad aggiungersi di diritto alle “teorie complottiste sulla Bibbia”, un filone ricco di fantasie fin dalla stessa Bibbia, più volte rimaneggiata a seconda dei tempi e delle esigenze, per non dire quanto parlare di “complottismo” a proposito di un libro come la Bibbia sia un p0′ paradossale.