Il sesso orale fa venire il cancro?

Secondo gli scienziati della Ohio State University la pratica avrebbe fatto aumentare i casi di tumore alla gola Siete convinti che avere un contatto...

Secondo gli scienziati della Ohio State University la pratica avrebbe fatto aumentare i casi di tumore alla gola

Siete convinti che avere un contatto fisico col vostro partner non comporti rischi per la vostra salute? Secondo alcuni esperti dovete ricredervi. Stando a quanto sostengono alcuni scienziati della Ohio State Unviersity, infatti, il sesso orale sarebbe la principale causa del cancro alla gola, la pratica sarebbe addirittura più pericolosa del tabacco. Le conclusioni sono state presentate in occasione del meeting dell’American Association for the Advancement of Science in corso a Washington. Gli scienziati sono convinti che il sesso orale sia rischioso quanto quello vaginale, soprattutto nella diffusione del virus dell’HPV. Proprio questa pratica avrebbe aumentato negli ultimi decenni i casi di tumore al cavo orale. Della serie: quando anche una pratica salutare diventa pericolo.

CANCRO ORALE, +225% – Tra il 1974 e il 2007 i ricercatori hanno registrato negli Stati Uniti un incremento del 225 per cento dei casi di cancro orale. “Quando si confrontano le persone che hanno un’infezione orale o no – ha detto Maura Gillison, che ha coordinato lo studio – il singolo fattore più importante è il numero di partner su cui la persona ha praticato sesso orale. Quando aumenta il numero di partner aumenta anche il rischio”. Il pericolo non riguarda solo le ragazze ma anche i ragazzi. La diffusione del virus HPV è stata associata al fumo e all’alcol, ma Gillison suggerisce che il sesso orale aumenta le probabilità più dell’abuso di sostanze. L’HPV è il principale colpevole che sta dietro al 70 per cento dei tumori cervicali: si diffonde per lo piu’ tramite il sesso vaginale. Secondo i ricercatori, negli ultimi anni è aumentato il rischio per i ragazzi, maggiormente esposti per colpa del sesso orale. Per questo Gillison invita a far vaccinare anche i maschietti prima che diventino sessualmente attivi. “E’ giunto il momento – ha detto – di avere una discussione più approfondita sui benefici della vaccinazione contro l’HPV per i ragazzi”.