|

Le incredibili foto dell’aquila che attacca il cervo

É in assoluto il primo caso documentato con delle foto, quello  di un’aquila che attacca un cervo adulto ripreso dalle apparecchiature installate per monitorare il comportamento delle tigri siberiane nella riserva naturale Lazovsky, in Russia, riporta Buzzfeed.

aquila attacca cervo russia 1

LA SCOPERTA – Linda Kerley della Zoological Society di Londra e i suoi colleghi che stavano lavorando al progetto si sono detti sorpresi del fatto di aver trovato un simile documento quando sono andati a controllare le loro apparecchiature. «É la prima volta che vedo una cosa del genere», ha detto la Kerley: «É raro che un’aquila attacchi un cervo». Più che raro questo evento pare sia l’unico mai documentato con prove fotografiche, infatti la Kerley, assieme al collega Jonathan C. Slaght, ha spedito la documentazione riguardante all’accaduto al Journal of Raptor Research, come riportato da Bio One. L’attacco del rapace si è rivelato essere fatale, infatti poco distante dal luogo in cui è avvenuto, i ricercatori hanno ritrovato la carcassa del cervo. «La letteratura scientifica è piene di casi in cui aquile attaccano animali di ogni tipo, da piccole prede come conigli, per passare a prede più grandi come cervi e coyote, riportano New Scientist e Nature World News. Nel 2004 è stato addirittura registrato il caso di uno di questi rapaci che si è avventato su un cucciolo di orso», ha detto Slaght, che ha aggiunto di essere stato «davvero fortunato ad essere riuscito a documentare dal vivo un evento del genere.

IL FINTO VIDEO DELL’AQUILA CHE ATTACCA IL BAMBINO – Le capacità predatorie delle aquile non sono certo una novità: alla fine dell’anno scorso su youtube era stato postato un video nel quale si vedeva un rapace che ha provato a prendere un bambino in un parco. Per quanto ben fatto, il video si è rivelato però essere una bufala. Infatti sia l’aquila che il bambino sono stati creati in animazione 3D e integrati nel film a posteriori”. In seguito è emerso che il filmato è stato creato da Normand Archambault, Loic Mireault, e Felix Marquis-Poulin, studenti al centro NAD, nel corso di produzione e simulazione per il curriculum di Animazione 3D e Design digitale.