Cannabis Club, i privée dove si può fumare in pace

In Spagna, un nuovo movimento di attivisti ha individuato una lacuna nelle leggi  che, dicono, rende il consumo di droga nei circoli privati del...

In Spagna, un nuovo movimento di attivisti ha individuato una lacuna nelle leggi  che, dicono, rende il consumo di droga nei circoli privati del tutto legale.

L’insegna sulla porta dice tutto, ma l’odore acre e il fumo che si diffonde in tutta il Cannabis Private Club nel dormitorio di Madrid, a Paracuellos de Jarama, sono la prova che essa è all’altezza del suo nome. “Questo è il solo posto dove si può fumare in pace“, ha detto un giocatore al bar, mescolando tabacco e una foglia di cannabis sminuzzata in un lungo rotolamento.

IN PUBBLICO SI’, IN PRIVATO NO - Il Private Cannabis Club, scrive il Guardian, con le sue verdi foglie palmate stampate sulle pareti e sul nome inciso su vetri affumicati, è l’avanguardia di un nuovo movimento di attivisti pro-cannabis in Spagna. I membri hanno individuato una lacuna nelle leggi spagnole sulla droga che, dicono, rende l’attività dei circoli privati, del tutto legale. Lo spazioso club di Paracuellos de Jarama, in un ex ristorante che si affaccia sull’aeroporto Barajas di Madrid, è dotato di un bar, cucina, tavoli da biliardo e schermi TV. E’ il più sofisticato di un massimo di 40 club di cannabis che sono spuntati nei garage e nelle sale sul retro dei locali in giro per la Spagna da quando gli attivisti hanno calcolato che le leggi che rendono illegale il consumo in pubblico non si applicano ai privati, per i club riservati ai soli membri.

QUI NON SIAMO AD AMSTERDAM -Abbiamo aperto da due mesi e abbiamo già 125 membri” ha detto il presidente dell’associazione, Álvaro Pedro Zamora. I membri devono pagare 120 € l’anno per appartenere al club e Zamora e i suoi compagni seguono regole che sembrano simili a quelle di un esclusivo club Mayfair. Un segno del campanello avverte che solo i membri sono ammessi e un comitato decide di ammetterne nuovi, negando l’accesso ad alcuni. Alicia Méndez, un funzionario del club, ha dichiarato: “I potenziali membri vengono intervistati e non accettiamo tutti. I nostri membri, devono essere persone responsabili, hanno il profilo giusto..” E Zamora ha aggiunto “Qui non è Amsterdam, questo non è un negozio di caffè. Questa è la casa del club della nostra associazione ed è un luogo privato, non è aperto a tutti…”

BASTA NON FARSI BECCARE MENTRE SI FUMA - La Spagna non ha una legge che vieta il consumo privato e i soci sostengono che è più sicuro  utilizzare il club che andare nei parchi e fumare in pubblico. Zamora ha detto: “La società riconosce che la cannabis non fa bene a tutti. Noi proponiamo una forma di consumo responsabile. Non tutti dovrebbero fumare. Sappiamo che ci sono rischi….” I soci possono portare la loro cannabis o condividere quella propria del club.  Anche se il club house, che è registrato presso le autorità locali, è lasciato in pace dalla polizia, i membri possono avere dei problemi se “beccati” mentre fumano cannabis. “E’ illegale acquistare, vendere o trasportarla, e si può essere multati se te la trovano addosso“. Il club offre comunque assistenza legale ai soci multati. Le forniture del Club rappresentano però un altro problema, perché occuparsi del commercio di cannabis è illegale.

I DIVIETI NON SERVONO A NIENTE -Stiamo lottando per il diritto legale di coltivarla“, ha detto Zamora. Il club ha chiesto una licenza medica per coltivare la cannabis, ma è stata respinta. Poi la polizia ha perquisito la sua piantagione segreta e distrutto le piante. Zamora ha detto che avrebbe sfidato in tribunale il diritto di distruggere una piantagione dedicata alla fornitura di un club privato: “Siamo persone che lavorano e pagano le tasse non siamo delinquenti“. Alcuni giudici hanno ordinato alla polizia che la cannabis confiscata fosse ridata ai club. “Lo hanno affermato sulla base del fatto che non vi è alcuna minaccia alla salute pubblica“. Zamora ha sottolineato che i fornitori del club non appartengono al mondo sotterraneo della droga: “Non andiamo al mercato nero per acquistare. Sappiamo che ci sono agricoltori che coltivano cannabis e ci possono fornire..” Il club ha anche promosso campagne sulle leggi. “I divieti non funzionano. La Cannabis è stata consumata da secoli e continuerà ad esserlo … per secoli. Il proibizionismo crea un mercato illegale e tutto ciò che porta con sé. E’ meglio educare la gente piuttosto che spendere soldi per un divieto che non serve a niente“.