|

Il succo di frutta? Non è adatto alla dieta

Secondo molti il succo di frutta non può far altro che bene: non è quello che pensa l’esperto di obesità americano Robert Lustig, secondo il quale questo tipo di bibite sono piene zeppe di zucchero e quindi sarebbero da considerare “veleno”. La notizia è stata riportata dal Telegraph.

succo

ZUCCHERO, L’AMARA VERITA – Lustig è l’autore di “Fat Chance: The Bitter Truth about Sugar” ( Fat chance: l’amara verità sullo zucchero). Secondo l’autore del libro lo zucchero è il principale colpevole per l’obesità dilagante negli Stati Uniti. Caloria per caloria infatti, il succo di arancia al 100% sarebbe ancora peggio delle bibite dolci gassate. Questa affermazione potrebbe sembrare allarmista, fino a che non si leggono i casi studiati da Lustig alla clinica pediatrica per l’obesità di San Francisco: un bambino di otto anni avrebbe già la pressione alta a causa dell’abitudine di bere tre bicchieri di succo al giorno, mentre una ragazzino di 6 anni che pesa 43 Kg e sarebbe “più largo che lungo” beve un litro di succo al giorno perchè grazie a un programma del Welfare la sua famiglia può averlo gratuitamente.

MANCANO LE FIBRE – Ovviamente la maggior parte delle persone non beve un litro di succo al giorno. C’è da dire però che negli ultimi 30 anni il consumo di fruttosio (ovvero lo zucchero presente nel succo di frutta) è più che raddoppiato, infatto un tempo il succo di frutta non era visto come una bibita per placare la sete, ma era più uno shot di vitamine. In un libro sull’alimentazione infantile del 1920, l’autore Emmett Holt sostiene che non si dovrebbe dare massimo tra 1 e 4 cucchiai da tavola (15-60ml) di succo al giorno ai bambini. Confrontiamo questa quantità con i tetrapack di zucchero odierni da 200 ml, che contengono l’equivalente di 17 g di zucchero (più di quattro cucchiaini da te). Secondo Lustig, il più grande problema del succo di frutta è la mancanza di fibre: quando si mangia una mela intera infatti, la quantità di zucchero è ben bilanciata dalla fibra: ciò permette al fegato di metabolizzare completamente quanto assorbito dall’organismo, quando invece si beve un bicchierone di succo di mela, una grande quantità di energia arriva direttamente al fegato.