Tra Assange e Zuckerberg il Time sceglie il meno scomodo

di - 15/12/2010 - Tutti si aspettavano il portavoce di Wikileaks e invece è il volto del fondatore di Facebook che appare sulla copertina del magazine per il suo rituale “Personality of the Year”. Una scelta ”soft” piuttosto che una scelta “difficile” per una rivista che pure in passato si

Tutti si aspettavano il portavoce di Wikileaks e invece è il volto del fondatore di Facebook che appare sulla copertina del magazine per il suo rituale “Personality of the Year”.

Una scelta ”soft” piuttosto che una scelta “difficile” per una rivista che pure in passato si era mostrata molto più audace. Ogni anno vi è una scelta fatta dagli utenti di Internet e vi è la decisione finale del Time. La scelta degli utenti di Internet ha luogo a livello mondiale e quest’anno ha attirato 1.200.000 voti, probabilmente un record per questo tipo di votazione informale, senza altra questione che il prestigio del vincitore e il piacere di partecipare.

ASSANGE MOBILITA - Questa mancanza di vera e propria sfida fa raddoppiare il mix di generi: Lady Gaga o Julian Assange? Il primo ministro turco o i minatori cileni? Certo è, scrive Rue89, che la vittoria di Julian Assange, con quasi 400.000 voti, un vantaggio considerevole sul secondo, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan, mostra l’ impatto e la capacità di mobilitazione online del fondatore di Wikileaks. Alla fine, però, non è Julian Assange che si trova sulla copertina di Time, ma Mark Zuckerberg. Questo voltafaccia da parte della redazione di Time verso la scelta del pubblico è istruttivo, perché ci sono due ragazzi che hanno utilizzato Internet per cambiare il mondo, ma in modi radicalmente diversi. E fra i due, Time ha scelto il meno dirompente.

LE ACCUSE DI ABUSI  HANNO PESATO - Zuckerberg ha certamente creato una rete sociale di enorme successo, con oltre mezzo miliardo di utenti in tutto il mondo. È il più giovane miliardario del mondo, e ha un impatto notevole sul modo di comunicare, scambiarsi informazioni e, come si è visto in “The Social Network” , flirtare …Assange con Wikileaks, ha cambiato le regole del gioco del segreto di Stato, con il “mercato” di centinaia di migliaia di documenti militari riservati degli Stati Uniti o diplomatici. Quest’ australiano perseguito dalla giustizia in Gran Bretagna per le denunce svedesi legate alla sua vita privata e non al suo attivismo, è diventato l’uomo che distrugge gli Stati, l’eroe dei sostenitori dell’assoluta trasparenza.

NEL 1938 SCELSERO HITLER - Tra Zuckerberg e Assange tra due eroi del web, Time ha scelto il meno sovversivo. Senza dubbio è più difficile scegliere di visualizzare sulla copertina un uomo che è coinvolto in due accuse di abusi sessuali, anche se la controversa figura di Assange va ben al di là di questo incidente svedese. Tuttavia, in passato, la scelta della personalità dell ‘anno non è sempre stata così felice. Il Time ha “eletto” Pierre Laval nel 1931 (l’unico francese con De Gaulle nel 1958), Hitler nel 1938, Stalin nel 1942 (era certamente giustificato in quell’anno, meno a guardarlo con la prospettiva storica …) o “il soldato americano” nel 2003, l’anno dell’invasione dell’Iraq. Ma il Time è stato anche più felice quando si è allontanato da figure politiche, come con il suo famoso “You” del 2006 che celebrava la nascita del cittadino su Internet, senza dubbio una delle scelte più giuste o nel 2002 con “l’informatore”, che voleva essere una denuncia degli abusi. Julian Assange ha evidentemente spinto la logica dell’ “informatore” all ‘estremo, ma per  il Time è stato, a quanto pare, più comodo “nominare” un informatore anonimo, piuttosto che un australiano sfuggente e attualmente pure in carcere.

13 Commenti

  1. uno di passaggio scrive:

    Ehm stupro ? Ma la storia del sex by surprise che aveve nominato pure voli non ve la ricordate ?

    Se è stupro avere un preservativo che si rompe o far sesso senza….

  2. Pingback: Tweets that mention Tra Assange e Zuckerberg il Time sceglie il meno scomodo -- Topsy.com

  3. Sandro kensan scrive:

    C’è una accusa di avere fatto una parte del rapporto sessuale con la coercizione, però una accusatrice mi pare si sia dileguata, l’altra rimane sola a sostenere le accuse.

  4. Tess scrive:

    Julian Assange ha sempre dichiarato di essere innocente e di non aver costretto nessuna donna ad avere con lui rapporti sessuali non consensuali. Le due accusatrici confermano solo una parte della verità del patron di WikiLeaks, sostenendo di aver dovuto “subire” la decisione di Assange di non utilizzare condom e di non volersi sottoporre a test per verificare la presenza o meno di eventuali malattie veneree.
    Il caso sembrava essersi chiuso il 24 agosto, quando il porcuratore generale di Stoccolma aveva archiviato le accuse per stupro e lasciato pendenti solo quelle per molestie sessuali, che in Svezia non sono considerate necessariamente un reato,riservandosi di interrogare Julian Assange. Ma il 1 settembre, a sorpresa, il Capo dei procuratori svedesi ha riaperto il caso, rilanciando le accuse di stupro. Cosa che poi si è conclusa con un mandato di arresto spiccato dalle autorità svedesi.
    La storia è questa

  5. Tess scrive:

    …Senza dubbio è più difficile scegliere di visualizzare sulla copertina un uomo che è coinvolto in due accuse di abusi sessuali, anche se la controversa figura…
    Un abuso sessuale che cos’è per lei? Una passeggiata di salute o uno stupro?
    E di cosa è accusato Assange dalle autorità svedesi?

    • uno di passaggio scrive:

      Lo stupro e uno stupro, fare sesso senza preservativo è tutt’altra cosa. Molti, pure questa testata l’ha fatto notare, come anche i dubbi su come sia andata la vicenda.

      Mi stupisce che si equipari un crimine grave come la violenza sessuale ad una cosa simile.

  6. Tess scrive:

    Forse a lei non è ancora chiaro, perché non le è proprio chiaro è evidente, che qui, come del resto anche nell’articolo di Rue89 linkato (che se uno leggesse non sarebbe neanche una cattiva idea) non si equipara proprio niente. Viene riportata la notizia che Assange è accusato di abusi sessuali in Svezia, perché in Svezia, la magistratura l’ha accusato di abusi sessuali. Non è un parere personale e se si stupisce, ripeto, dovrebbe andare a dirlo a qualcuno in Svezia. Capito adesso o faccio un disegnino?

  7. Pingback: Salute e Medicina » Tra Assange e Zuckerberg il Time sceglie il meno scomodo

  8. Pingback: Assange è libero. Ma gli Usa già si muovono per riprenderlo

  9. Pingback: I lettori sono importanti ? Per il TIME non si direbbe! « Piedofilia: Blog L'interno dell'agnello

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Giorgio Napolitano

La lettera di Giorgio Napolitano al Corriere della Sera

8:14 Sul quotidiano di via Solferino il capo dello Stato ha risposto al direttore Ferruccio de Bortoli, alla vigilia dell'anniversario dello storico bis al Colle: «Ho pagato un prezzo alla faziosità, ma il bilancio è positivo», ha precisato. Per poi auspicare: «Su riforme e legge elettorale maggioranze più ampie» CONTINUA

Milan vs Barcellona - Quarti di finale UEFA Champions League

Gli anti tiqui-caca

7:47 Fino a due anni fa il Barça faceva faville. Una squadra «mostruosa». Però a molti critici quel «tiqui-taca» della malora non garbava troppo. Avrebbero voluto che il Barça, dall’alto della sua onnipotenza, variasse con un tocco di CONTINUA