|

Lucia Annibali: la donna sfregiata con l’acido torna a sorridere

Il Corriere della Sera racconta oggi in prima pagina, in un articolo a firma di Giusi Fasano, la storia di Lucia Annibali, la donna sfregiata con l’acido a Urbino:

Un uomo incappucciato che scappa via: «Mi ha guardato un istante, ho visto che aveva in mano un barattolo…». Quel tizio corre giù per le scale, i salti risuonano nella memoria: «Mi sono detta un sacco di volte che forse potevo scappare, che magari avrei potuto protegger- mi un po’ di più». Lo sconosciu- to è lontano, Lucia rivede se stessa sull’uscio di casa: «Quello mi ha lanciato addosso il liquido del barattolo. Ricordo la mia faccia che friggeva, rantolavo. Ho fatto in tempo a specchiarmi un istante prima che gli occhi non vedessero più niente. Ero grigia, c’erano bollicine che si muoveva- no sulle mie guance. Urlavo, urla- vo tantissimo. Ricordo di aver tolto il giacchino di pelle per non rovinarlo… come se fosse importante».

lucia annibali acido sfregiata

Il quotidiano racconta dell’arresto di Luca Varani, avvocato con cui Lucia Annibali aveva una relazione:

È a casa, Lucia. Nell’appartamento dei suoi genitori a Urbino. Ma è un continuo tornare in ospedale, a Parma. Medicazioni, controlli, fisioterapia, massaggi, laser. E nuove operazioni all’oriz- zonte. «Mi ci vorrà almeno un anno per tornare con un viso, dicia- mo, armonioso. Adesso non sono un granché, mi rendo conto, ma ho in programma un’opera- zione per allargarmi la bocca, così sembrerò ancora più umana e finalmente potrò sorridere». Si vive di piccoli passi in avanti, e ogni volta sembra di aver scalato montagne. Il suo primo ottomila Lucia l’ha conquistato il giorno in cui ha osato chiedere. Era in ospedale da settimane: «Ogni tanto mi toccavo e mi di- cevo “sto’ naso… mi sa che non c’è rimasta tanta roba…” sentivo la pelle sottile sottile… A un cer- to punto, mentre ero ancora ben- data, ho cominciato a fare un po’ di domande. Come sarò? E loro: “avrai delle cicatrici”. Ricordo che ho detto: “Definisci cicatri- ci”.

E loro:

“Avrai la pelle di un colore diverso, all’inizio non ti piacerai ma poi migliorerai”. Mi sono messa a piangere ma ho scoperto che non potevo farlo. Se avessi pianto avrei potuto ro- vinare la pellicola che mi aveva- no applicato. Allora mi sono det- ta: Lucy, sei adulta, sopporta quello che c’è da sopportare e so- no fiera di averlo saputo fare sen- za fiatare. Lì in reparto sentivo che urlavano dal dolore… Quan- do avevo voglia di piangere mi saliva una rabbia… non è giusto soffrire per non aver fatto nien- te, non è giusto che io sia costretta a vivere così”.

L’intero articolo è disponibile sul Corriere in edicola.