|

Carlo Maria Rogito: le poesie bandite da Facebook

Carlo Maria Rogito libero. È questo il grido che risuona tra gli utenti nostrani di Facebook, indignati per la sospensione, per la seconda volta nel giro di pochi mesi, della pagina dedicata al “poeta maledetto” del web italiano.

Il volto fittizio di Carlo Maria Rogito
Carlo Maria Rogito

POETA MALEDETTO – Esattamente come Franco Minchia, Carlo Maria Rogito è un personaggio fittizio, che si diletta a comporre versi surreali, sgrammaticati e squisitamente nonsense sui temi più disparati come le relazioni umane, la politica, lo sport e addirittura anche il naufragio della Costa Concordia.

Comandante soccoritore!
io gia’ ti imagino a preparare i panini con quello che c’e rimasto
a chi sta ancora intrappolato nella nave….
tu ciai il cuore enorme e siccome stanno finendo i prosciutti a bordo,
esci la notte a pescare: pesce, vongola,anguilla,salmone,orca,calamari,anelletto
per non fare sentire la fame a chi sta ancora disperso.
Comandante colla navigazione incorporata!
perche’ sei cosi’ eroe e io se t’imito sembro goffo e malandrino?
quanto ti danno al mese? ciai i macchinoni? fammi sapere.

 

BANDITO DA FACEBOOK – Il tutto condito da toni nemmeno troppo velatamente ingiuriosi: Carlo Maria Rogito è uno che ce l’ha col mondo e non ha vergogna a dirlo, pur non usando mai termini espliciti. Eppure, il “poeta maledetto” sembra essere un personaggio scomodo quanto i suoi versi, visto che la sua pagina ufficiale su Facebook viene regolarmente segnalata da qualche utente e successivamente bloccata dallo staff di Facebook.

 

LEGGI ANCHE: La fionda umana per farsi male in compagnia

 

CHE FINE HA FATTO CARLO MARIA ROGITO? – Un atto che ha scatenato, in passato come oggi, la reazione dei tanti seguaci di Rogito, che si sono prodigati a realizzare pagine a sostegno della liberazione del “poeta” e che in queste ore stanno tornando a popolarsi di commenti di protesta e di nostalgia per le ineffabili rime di questo artista che, come l’araba fenice, forse potrebbe risorgere presto.

(Photocredit: Facebook/Rivogliamo La Pagina Di Poesie Di Carlo Maria Rogito)