inchieste

Facebook Twitter
Padre Paolo dall'Oglio, gesuita, è stato rapito nel 2013 nella zona di Raqqa. Da anni gestiva un centro interculturale e interconfessionale nel nord della Siria, dove cristiani e mussulmani potevano liberamente confrontarsi. E' stato catturato da miliziani jihadisti mentre stava tentando di negoziare il rilascio di altri ostaggi presso Raqqa. Di lui non si sa più niente ed è stata anche diffusa la notizia della sua morte che il ministero degli Esteri non si sentì né di confermare né di smentire.

«Padre Dall'Oglio è in mano all'ISIS»

Si troverebbe in un carcere ad Aleppo. A riferirlo SkyTg24 citando l'agenzia Adnkronos e le informazioni dell'Osservatorio siriano per i Diritti umani. Sarebbero in corso «trattative complesse per il suo rilascio, con una richiesta di riscatto spropositata» CONTINUA

Fabio Cimaglia/LaPresse

Legge di stabilità, il governo: «serve ancora un po'di tempo»

Stallo preoccupante sul provvedimento. Il vice ministro Morando: «Stiamo ultimando la relazione tecnica». Forza Italia: «Il presidente del Consiglio venga a riferire in aula». I sindacati sottolineano il rischio di esuberi per 20mila lavoratori a tempo indeterminato e del licenziamento per oltre 2mila precari oltre ai «pesanti tagli» CONTINUA